Una giornata nelle Marche terremotate: capire, conoscere, condividere

Una giornata speciale per gli abitanti di Visso e San Ginesio che, ieri, hanno ricevuto la visita a sorpresa di Alessia Marcuzzi e Rudy Zerbi.
Alessia e Rudy hanno chiesto al Touring Club Italiano di essere guidati in alcuni dei borghi Bandiera Arancione colpiti dal sisma. «Non abbandonate questi luoghi, visitateli e supportateli». Questo è il messaggio che i due conduttori televisivi hanno voluto trasmettere attraverso i loro social a tutta l’Italia.

Prima tappa a San Ginesio, un borgo Bandiera Arancione costruito su un colle circondato da mille sfumature di verde. «Lo chiamano non a caso il balcone dei Sibillini» sorride il sindaco Mario Scagnetti «Dall’altra parte si vede il Conero che si butta nel mare: basterebbe questa visione per giustificare una gita a San Ginesio. Eppure, anche qui, come in tutte le Marche e anche in Umbria, la gente non viene più. Ha paura. È passato il concetto che siamo regioni pericolose. Ma noi abbiamo bisogno del turismo».
Certo, non tutto può essere bello come prima. La facciata della preziosa Collegiata è puntellata di tiranti che hanno evitato il peggio, ma le parole del sindaco sono chiare a tutti tanto che Rudy e Alessia improvvisano un video invitando a venire a vedere con i propri occhi. «Ci siamo già innamorati di questo posto» registra Rudy.
«Qui a San Ginesio abbiamo evitato il peggio, ormai quasi tutto il centro storico è stato riaperto e solo quattro attività sono ancora delocalizzate» conclude il sindaco.
Visso, borgo dei Sibillini, incastonato in verdissime vallate, è la seconda e ultima tappa della giornata. Qui l’atmosfera è assai diversa: nessuno può entrare nel centro storico se non scortato dalle forze dell’ordine perché Visso è stato fortemente colpito, più del 90% degli abitanti ha, infatti, lasciato il paese.
Eppure Alessia scrive su Instagram «Visso, sei ancora così bella», ed è vero, c’è comunque ancora tanta bellezza in quelle finestre silenziose, nelle pietre antiche, nel campanile del 1100 che è ancora in piedi. E c’è bellezza anche nella storia dei manoscritti di Giacomo Leopardi, che per strani casi del destino erano finiti nel museo locale, vanto di Visso, e sono stati subito trasferiti, dopo la prima scossa, a Bologna e poi agli Uffizi.

Qui da ricostruire c’è tanto e tutto il borgo medievale è da salvare. «Ricostruiamo così com’era? Facciamo dei falsi storici?» chiede e si chiede il sindaco Giuliano Pazzaglini. «L’unica cosa certa è che noi cerchiamo di spiegare perché vogliamo tornare qui. Sarebbe più semplice abbandonare tutto. Ma noi non possiamo, non vogliamo, non dobbiamo».
Non si contano più i commenti di entusiasmo e di gratitudine sui social di Alessia e Rudy che ieri hanno postato ininterrottamente raccontando il loro viaggio. «Le Marche hanno bisogno di questo per ripartire! È uno dei commenti che sintetizza lo spirito con cui migliaia di persone hanno salutato, dai social, questa giornata.

«È il costante lavoro con i comuni e i piccoli paesi del territorio che ci rendono fieri del ruolo che svolgiamo per il nostro Paese. Questa è l’Italia vera, quella dei borghi, delle persone che ci credono e si rimboccano le maniche senza parlare troppo. Grazie ad Alessia e Rudy per aver compreso e fatto proprio il nostro messaggio» ha dichiarato Marco Girolami, Direttore Strategie Territoriali del Touring Club Italiano.

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text.